Install Theme

Your web-browser is very outdated, and as such, this website may not display properly. Please consider upgrading to a modern, faster and more secure browser. Click here to do so.

DOVE TOSANO LE AQUILE

E quindi uscimmo a riveder la pelle.
Ago 30 '14
"Per sconfiggere i terroristi basterebbe costringerli ad aprire la partita IVA."
Ago 27 '14
Come se fosse realistico avere un armadio vuoto. 

Come se fosse realistico avere un armadio vuoto. 

Ago 25 '14
"La costante resistenziale sarda è una variabile."

Enrica Mereu

L’ho detto oggi, è bello stare con me. 

Ago 24 '14
"L’unico mare che vi vedo dentro
É quello di cazzate."

(via mammhut)
——-

Ecco, per dire…

(via falcemartello) Non è mare ma ritenzione idrica. 

Ago 24 '14
"Dite alla Apple che, se la batteria fa schifo, non ce ne facciamo niente di un Iphone ultrasottile. Non è mica un’assorbente."
Frank uonderfool @m4gny
Ago 24 '14
""Le donne troppo intelligenti fanno paura".
- Ma te le devi scopare o sfidarle ad un telequiz?"
iNebuz @iNebuz
Ago 23 '14
ricordoeccome:

Metodi vegani

Io sostengo la cura della fava. Da sempre. 

ricordoeccome:

Metodi vegani

Io sostengo la cura della fava. Da sempre. 

Ago 23 '14

Sting - Fields of gold

Ago 22 '14
"Comprerò un formicaio, voglio degli animali da compagnia che mi somiglino…ovvero vivano facendosi un culo così senza nessuna soddisfazione"
Ago 22 '14
"Ho spiegato a mio nonno questa cosa di buttare secchi d’acqua gelata per aiutare i malati di SLA e adesso è convinto che rimangano attaccati quando scopano come i cani."
Ago 21 '14
"A scuola ho avuto diari più seri dell’agenda di Renzi."
Ago 21 '14
"Il diavolo è un ottimista se crede di poter peggiorare gli uomini."
Karl Kraus
Ago 21 '14

Hugh Laurie All We Gotta Do (Protest Song)

Ago 1 '14
"E dimmi: lo sai, tu, cos’è l’amore?
Tu che lo vendi a due lire a incontro, cinque minuti per respi-
rarti addosso, nemmeno il tempo di guardarti negli occhi, di
mormorare il tuo nome, pensi di sapere che cos’è l’amore? Che
ne sai tu delle lunghe attese, dei silenzi sospesi nell’ansia di una
parola, di un sorriso?
Con questo tuo corpo morbido che adesso sento muoversi fre-
netico sotto di me, con queste gambe lunghe e bianche che strin-
gono i miei fianchi, pensi che l’amore sia questo?
Io l’ho visto, sai, l’amore. L’ho conosciuto, l’ho incontrato. È
fatto di dolore e di malinconia, di ansia e di ritorni. Non si con-
suma in un attimo; non nasce e muore in posti come questo, con
la musica di un pianoforte al piano di sotto e nell’odore dei disin-
fettanti. L’amore è fatto di aria fresca e fiori, di lacrime e risate.
Tu, che mi pianti le unghie nella schiena e inarchi il bacino
contro di me, pensi di conoscerlo ma non lo conosci, l’amore.
Tu fingi sempre, fingi anche il piacere che non provi. Fingi,
con gli occhi bistrati di nero, la bocca disegnata a cuore, il neo
sulla guancia. Tutto finto. Come gli abiti lussuosi di organdis,
crêpe e voile imprimé, che qui dentro, nella cosiddetta casa
dell’amore, puoi permetterti solo tu, come il profumo francese
che appesta l’aria di questa stanza.
L’amore vero lo conosco io: ti sveglia di notte, col cuore pie-no
di speranza e disperato, coi pensieri che diventano sogni e i sogni
che diventano pensieri. Non ha bisogno della musica dei negri,
per farti scorrere il sangue più veloce nelle vene, né del profumo
per mescolarti i sensi.
Che mi risponderesti se ti chiedessi che cos’è l’amore, tu che
gemi tra le mie mani, tu che premi il tuo seno contro di me?
Forse rideresti, come hai riso poco fa, coi tuoi denti bianchi e
gli occhi neri, la mano sul fianco di seta; e mi diresti che l’amore
è questo, la stanza di un bordello, reggiseni di pizzo, candele, ra-
so, boa di piume di struzzo. Che l’amore è il lusso, il benessere, il
non dover pensare a come procurarsi da mangiare. O forse mi
diresti che l’amore dura poco, il tempo di una marchetta: e che il
resto della vita si deve trascorrere campando meglio che si può.
Non temere, non te lo chiederò cos’è l’amore. Non aspetterò
dalla tua bocca dipinta altre bugie. Mi accontenterò di sentire,
come adesso, il tuo corpo caldo muoversi sotto la mia pelle, al
ritmo del respiro. Sempre più piano. Sempre più piano.
E di non sentire più i tuoi lamenti, sotto il cuscino che ti tengo
in faccia."
Incipit di Vipera di Maurizio de Giovanni. 
Lug 31 '14
"La donna che fa per te non è al momento raggiungibile."
Al Paciro.